14-15/10/2013: A lezione di primo soccorso

Dopo il successo dell’anno scorso, la Croce Bianca di Cernusco sul Naviglio si rimette in gioco con i maturandi dell’ITSOS Marie Curie di Cernusco sul Naviglio.

In occasione dell'evento nazionale "Viva! La settimana per la rianimazione cardiopolmonare", la Croce Bianca di Cernusco torna a proporre un corso di primo soccorso nelle scuole superiori. In due incontri che hanno coinvolto oltre 250 ragazzi, i volontari della nostra sezione hanno trattato quattro argomenti di grande interesse per i giovani: gli effetti dell’alcool sul corpo, gli abusi di sostanze psicoattive, il primo soccorso su incidenti stradali e la rianimazione cardiopolmonare.

 

Gli incidenti stradali sono la prima causa di morte e invalidità tra giovani e giovanissimi in Italia e spesso complici fatali sono l’abuso di alcool o di sostanze stupefacenti. Grazie alle numerose campagne che ci bombardano, è noto a tutti l’enorme pericolo nel mischiare droghe e alcool con la guida, ma spesso non si conosce realmente la pericolosità di tali sostanze.
Per questo motivo due volontari della Croce Bianca, Davide Cucchi e Giacomo Trevisan, hanno deciso di affrontare questi argomenti in modo differente rispetto al solito. Sia per quel che riguarda le droghe che l’alcool, inizialmente è stata fatta una descrizione degli effetti piacevoli che queste sostanze hanno sul nostro organismo. Subito dopo però, accanto agli effetti positivi, sono stati elencati tutti gli effetti dannosi che alcool e droghe causano nel nostro organismo, citando anche nozioni anche poco conosciute come l’incremento del rischio di presentare malattie psichiche gravi, quali la schizofrenia, in seguito all’abuso prolungato di cannabis, dai più considerata quasi innocua.
Di grande impatto anche alcuni aneddoti riguardanti l’alterazione di psiche e capacità cognitive per assunzione di droghe e la scelta di concludere la presentazione con una scena di crisi di astinenza tratta dal film “Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino”, che ha ridestato l’attenzione anche di chi sembrava meno interessato agli argomenti.
È seguita, poi, una parte dedicata a come agire in caso di incidente stradale. Spesso, in situazioni di emergenza, se non si sa come comportarsi ci si lascia prendere dal panico e si agisce in modo sbagliato, non facendo nulla per poter aiutare eventuali feriti o, peggio ancora, causando danni. L’incontro è stato quindi un’occasione per spiegare come attivare il sistema dei soccorsi in caso di incidente stradale e come prestare soccorso immobilizzando in modo corretto il ferito.
L’ultima parte dell’incontro ha visto come protagonisti l’arresto cardiaco e le manovre di rianimazione cardiopolmonare. Ai ragazzi sono stati mostrati e spiegati i semplici ma importantissimi gesti, che nelle situazioni di emergenza possono davvero fare la differenza. Basti pensare che quando si ha un arresto cardiocircolatorio, per ogni minuto che passa senza praticare un massaggio cardiaco, il paziente ha il 10% in meno di possibilità di sopravvivere. In Europa già molte nazioni hanno reso obbligatori corsi di rianimazione nelle scuole, ed in questo campo la Croce Bianca di Cernusco si è dimostrata all’avanguardia, offrendo a tutti i ragazzi delle quinte dell’Itsos la possibilità di apprenderle.
Alle lezioni teoriche seguiranno in novembre delle lezioni pratiche sui manichini, nelle quali i ragazzi, con la guida e l’aiuto dei volontari, potranno provare le tecniche per effettuare correttamente il massaggio cardiaco (che è molto differente da come i film sono soliti mostrarci) e le tecniche di immobilizzazione della colonna vertebrale di una persona che ha subito un trauma in seguito a un incidente, in modo da prevenire eventuali danni al midollo spinale.
Con piacevole stupore l’iniziativa è stata accolta con entusiasmo sia dagli alunni, che dai professori, i quali si sono dimostrati molto interessati e hanno chiesto numerose informazioni sulle attività della Croce Bianca e sul nostro corso di formazione.

 

C. Gironi

Informazioni aggiuntive